La rivoluzione di Velluto del 1989

La rivoluzione di Velluto del novembre 1989 fu la protesta pacifica nelle piazze della Cecoslovacchia che portò alla fine del regime comunista.
Image
Vincenzo Ferrillo

Vincenzo Ferrillo

29/08/2021 | Ultimo aggiornamento:

Comment Nessun commento

Book Bibliografia consigliata


La rivoluzione di Velluto del 1989 iniziò come una manifestazione pacifica degli studenti il 17 novembre. Erano passati solo nove giorni dalla caduta del muro di Berlino. Il 20 novembre i manifestanti erano mezzo milione. Il 27 novembre ci fu uno sciopero generale dei lavoratori per due ore. Il 28 novembre il partito comunista rinuncia al potere. E a gennaio la Cecoslovacchia ha tenuto le sue prime elezioni democratiche dal 1946.

Dopo la caduta del regime comunista durante la rivoluzione di velluto, Vaclav Havel fu eletto presidente della Cecoslovacchia il 29 dicembre 1989. Vaclav Havel si era distinto come uno dei leader storici del dissenso al regime comunista. Dal 1969 il governo aveva vietato le sue opere ed era stato imprigionato diverse volte.
La rivoluzione di velluto nel contesto della fine dei regimi comunisti

Le manifestazioni studentesche del 1989 erano state duramente represse dalla polizia. La repressione ha avuto l’effetto opposto a quello desiderato. Sempre più persone si sono unite alle proteste degli studenti. Queste manifestazioni si svilupparono in un movimento di massa. Il Forum Civico emerse, con Havel e Dubcek, insieme al cardinale Tomasek, come forza trainante del cambiamento politico. Il Forum Civico ha continuato a guidare le proteste di strada.

All’inizio si diceva che il Forum Civico era un gruppo di dilettanti. Non avevano esperienza politica. Non c’era un’ideologia o un’infrastruttura coerente a livello nazionale. Havel stesso è stato detto essere un drammaturgo utopico molto lontano dall’essenza di un politico.

Il Forum Civico e il suo leader, Václav Havel, avevano il sostegno del popolo in tutto il paese. In poche settimane, senza spargimento di sangue e con esemplare senso civico, sono riusciti a passare da un sistema totalitario a un regime di libertà. La caduta del regime comunista ha aperto la strada alla transizione verso una vera democrazia multipartitica.

La nuova democrazia ha dovuto far fronte a rapidi sviluppi politici. Le scissioni dei partiti politici e le tensioni nazionaliste scoppiarono durante il 1991 e il 1992. Questo ha portato alla separazione concordata della Repubblica Ceca e della Repubblica Slovacca nel 1993.

Evento storico:



Bibliografia consigliata


Lingue disponibili :